MULTIMEDIA GALLERY

 



Arance rosse più antiossidanti delle sorelle «bionde». Arriva la modifica al Dna

 

Spostare un piccolo pezzo di Dna nelle arance per ricavarne arance rosse, più ricche di antocianine rispetto alle loro sorelle «bionde» e, quindi, più combattive nel ridurre i grassi e nel contrastare l'insorgenza dell'obesità e più protettive contro lo stress ossidativo e l'insorgenza di infiammazioni e rischio cardiovascolare. A spiegare il meccanismo è un gruppo di studiosi del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) e del Centro di Ricerca per l'Agrumicoltura e le Colture Mediterranee di Acireale (Catania) in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Plant Cell. Le arance rosse, spiegano i ricercatori, per sviluppare il loro alto contenuto di antocianine hanno bisogno di giorni caldi e notti fredde, soprattutto durante la fase della maturazione. E in assenza di queste condizioni climatiche non riescono a produrre una quantità sufficiente di questi composti salutari, e finiscono per somigliare alle comuni varietà di arance bionde.